Francesco Grandi

Ricordato dai Musei Garibaldini di Caprera.

Incredibile la sua vita, come lo fu quella del padre, che si chiamava Tobia Arienti.

Patriota brianzolo e di famiglia ebraica, Tobia sfuggì alla polizia austriaca assumendo l’identità di un amico defunto, Luigi Grandi, e con quel nome si rifugiò in Sardegna dove, a Tempio nel 1841, nacque il figlio Francesco.

Luigi raggiunse Garibaldi in Sud America, combatté con lui e con lui ritornò in Italia. Alla morte della madre, Francesco raggiunse il padre a Genova, sempre in mezzo a patrioti e cospirazioni. Studiò disegno a Firenze e Roma. Tornato a Genova, orfano anche del padre, continuò a studiare e lavorò in una fabbrica di mobili. Aveva 16 anni. A 18 si unì ai Cacciatori delle Alpi e combatté in Lombardia.

Partito con i Mille, Francesco ne disegnò la divisa e fu presente ai fatti di Bronte. Nel 1861 tornò a Cagliari, dove si sposò tre volte, per trasferirsi a Sorrento, dove fondò la scuola d’Arte applicata alla tarsia e all’intaglio. Come ebanista partecipò a diverse fiere internazionali. Fu il penultimo dei Mille a morire, nel 1934.

.

Notizie in primo piano

Eventi e News

Musei Garibaldini temporaneamente chiusi

In ottemperanza alle nuove misure di contrasto e contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 previste dal DPCM del 3 novembre 2020 (art. 1, lettera r), si comunica che dal 6 novembre al 3 dicembre 2020 sono sospese le mostre e i servizi di apertura al...

leggi tutto

Pronipoti: ora voglio voi!

Pubblicati i primi profili con le foto e le notizie inviate dai pronipoti di chi accompagnò Garibaldi nelle sue imprese. E' il primo passo per creare una mostra permanente online (e non solo) che ricorda i singoli e aiuta a mantenere vivo e operante lo spirito...

leggi tutto