Angelrico Erede

Ricordato dalla pronipote Chiara Degli Occhi.

Gaetano Angelrico Erede, nato a Genova in una famiglia di sentimenti repubblicani, era un giovane pieno di entusiasmo patriottico. Nel 1859 fuggì di casa per arruolarsi come volontario nella guerra contro l’Austria. L’anno successivo prese parte alla Spedizione dei Mille con i “carabinieri” di Antonio Mosto.

Si distinse a Calatafimi, nell’attacco a Palermo e cadde gloriosamente sul campo a soli diciannove anni nella sanguinosa battaglia di Milazzo, il 20 luglio 1860, colpito da una palla in fronte.

Di recente, la famiglia ha ritrovato le sue lettere ai genitori che, unitamente a un gruppo di lettere e disegni conservati al Museo del Risorgimento di Genova, saranno presto pubblicate. Sono testi interessanti per la vivace descrizione della presa di Palermo, come del clima intorno alla spedizione. In una di esse invece Angelrico descrive un divertente episodio di una vicenda amorosa con una donna sposata. Per fortuna ebbe il tempo di divertirsi!

.

Notizie in primo piano

Eventi e News

Pronipoti: ora voglio voi!

Pubblicati i primi profili con le foto e le notizie inviate dai pronipoti di chi accompagnò Garibaldi nelle sue imprese. E' il primo passo per creare una mostra permanente online (e non solo) che ricorda i singoli e aiuta a mantenere vivo e operante lo spirito...

leggi tutto

Primo e-book della Biblioteca digitale garibaldina

Per il 160° anniversario dell'impresa dei Mille ti regaliamo l'ebook I Mille, da Genova a Marsala di Giuseppe Bandi, la migliore e più appassionante descrizione dell’impresa garibaldina. Si tratta della prima uscita della nostra biblioteca digitale, una selezione di...

leggi tutto

Il pino di Clelia

Il 17 febbraio, per ricordare l'albero monumentale piantato al centro del cortile da Giuseppe Garibaldi in occasione della nascita di sua figlia Clelia, è in programma un'attività didattica con le classi di una scuola primaria di La Maddalena, l'istituto San Vincenzo....

leggi tutto